Lucca, digitalizzati i codici della fondo Lucchesini

LUCCA – La collezione della Biblioteca Statale di Lucca, 22 preziosi codici appartenenti al fondo Lucchesini,  è ora on line. Il catalogo di questi Tesori è stato realizzato da Internet culturale, portale curato e diretto dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche … Continua a leggere Lucca, digitalizzati i codici della fondo Lucchesini

Manoscritti, documenti, libri, cartoline: online SALERNUM, la Biblioteca digitale salernitana

Originally posted on Bibliostoria @ La Statale:
Salerno nella veduta Pacichelli di inizio ‘700. Da Wikipedia [La Biblioteca digitale salernitana comprende] documenti di argomento o di produzione salernitana: manoscritti, carteggi, libri a stampa antichi e moderni, documenti, quotidiani e periodici appartenenti… Continua a leggere Manoscritti, documenti, libri, cartoline: online SALERNUM, la Biblioteca digitale salernitana

BOhisto: la storia di Bolzano attraverso i documenti

Originally posted on Bibliostoria @ La Statale:
 Il portale BOhisto Bozen-Bolzano’s history online, realizzato dall’Archivio storico della città,  permette la consultazione delle principali fonti sulla storia cittadina. In particolare sono stati digitalizzati i protocolli consiliari (copertura temporale XV-XIX secolo), ma il progetto è in continuo aggiornamento. Maggiori informazioni su questa tipologia documentaria si trovano alla pagina informazioni, insieme ai contatti dei curatori del progetto e ad una piccola bibliografia. E’ possibile scorrere i manoscritti per anno (grafica molto semplice ed intuitiva) ed effettuare una ricerca (al momento, una ricerca di base in unico box). Vista la ricchezza dei metadati che accompagnano… Continua a leggere BOhisto: la storia di Bolzano attraverso i documenti

Il “padre dell’archeologia” torna a Firenze

Originally posted on Museo Archeologico Nazionale di Firenze:
Un personaggio insolito e stravagante, questo bibliotecario tedesco del Settecento che si faceva ritrarre col turbante: nonostante le modeste origini (era figlio di un calzolaio), John Johachim Winckelmann ebbe modo di studiare e formarsi nel campo della storia dell’arte; pubblicò, pochi anni prima di morire, la “Storia delle arti del disegno presso gli antichi” e a lui dobbiamo il merito di aver fatto uscire l’archeologia da quel complesso indistinto di informazioni e nozioni sugli usi e tradizioni degli antichi (l’antiquaria, appunto) che dall’Umanesimo in poi aveva costituito l’unico modo di approcciarsi al… Continua a leggere Il “padre dell’archeologia” torna a Firenze