ARCHEOLOGIA / Casale Monferrato (AL), il Museo Civico acquisirà i reperti longobardi di San Germano

Trovati per caso nel 1895 nella frazione San Germano, i 14 reperti longobardi giungeranno nei prossimi mesi al Museo Civico di Casale Monferrato (Alessandria), dove saranno esposti al pubblico. La collezione comprende una crocetta in lamina aurea, un bottone ornamentale in oro e granati almandini, una placca di fibbia di cintura, un copripunta o puntale di fodero in oro, tre borchie di scudo in bronzo, un’armilla a terminazioni ingrossate in bronzo, una fibbia in bronzo ageminata, un orecchino a cestello in bronzo e quattro perline in vetro blu.

di Redazione (foto: Comune di Casale Monferrato).

La placca di fibbia di cintura ritrovata a San Germano, frazione di Casale Monferrato, e a breve esposta con altri reperti nel locale Museo Civico.

Furono rinvenuti fortuitamente nel 1895 nella frazione di San Germano i 14 reperti di epoca longobarda che giungeranno nei prossimi mesi al Museo Civico di Casale Monferrato (Alessandria). Proprio in questi giorni, infatti, si stanno perfezionando le pratiche amministrative per avviare l’acquisizione degli oggetti dagli eredi di Carlo Guaschino, colui che a fine Ottocento li trovò in un fondo di sua proprietà e che, in base alla normativa dell’epoca, ne divenne proprietario.

«Gli eredi – ha spiegato il sindaco Federico Riboldi – mi hanno contattato per esprimere la volontà di cedere al Comune di Casale Monferrato i preziosi oggetti testimoni della presenza longobarda sul nostro territorio. Ricevuta l’approvazione a procedere dalla competente Soprintendenza, possiamo ora annunciare che le nostre collezioni civiche, grazie appunto alla generosità degli eredi Guaschino, si arricchiranno di un altro interessante tassello della storia alto – medievale della città».

La collezione comprende una crocetta in lamina aurea, un bottone ornamentale in oro e granati almandini, una placca di fibbia di cintura, un copripunta o puntale di fodero in oro, tre borchie di scudo in bronzo, un’armilla (bracciale) a terminazioni ingrossate in bronzo, una fibbia in bronzo ageminata, un orecchino a cestello in bronzo e quattro perline in vetro blu.

Il puntale di fodero in oro da San Germano, anch’esso a breve acquisito dal Museo di Casale Monferrato.

Gli oggetti, appartenenti a un arco cronologico compreso tra la fine del V secolo e il VII secolo dopo Cristo, come ha sottolineato la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Alessandria, Asti e Cuneo: «per la loro rilevanza sul piano storico-archeologico e per l’accertata provenienza dal territorio casalese, sono stati dichiarati di eccezionale interesse culturale» ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio del 2004.

«Questa Amministrazione – ha ricordato l’assessore Gigliola Fracchia – sta investendo non solo per migliorare e valorizzare al meglio le già ricche collezioni presenti al Museo Civico, ma anche per nuove acquisizioni che possano raccontare appieno le nostre radici e il nostro passato. Crediamo infatti che per poter diventare un vero e affermato polo culturale e turistico, si debba ampliare la proposta, partendo proprio dalla nostra storia».

Nelle prossime settimane si avvieranno le pratiche per perfezionare prima l’acquisizione e dopo, sempre in collaborazione con la competente Soprintendenza, il trasferimento dei preziosi oggetti.

Fonte: Comune di Casale Monferrato (AL).

©Storie & Archeostorie – VIETATA LA RIPRODUZIONE, LA RIELABORAZIONE E LA RIPUBBLICAZIONE IN QUALSIASI FORMA E MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...