ARCHEOLOGIA / Nasce “ArcheoComuni”, un nuovo network per valorizzare i beni archeologici della Sardegna

L’Anci Sardegna, l’Associazione che rappresenta i Municipi sardi, e Fondazione Mont’e Prama, organismo nato lo scorso luglio per iniziativa di Ministero della Cultura, Regione e Comune di Cabras (Oristano) allo scopo di gestire le statue dei Giganti e il parco archeologico di Tharros, hanno siglato un accordo di collaborazione che porterà alla nascita del network “ArcheoComuni”, che sarà chiamato a sviluppare la redazione e l’aggiornamento delle carte archeologiche degli enti locali e la loro integrazione per ambiti territoriali.

di Redazione

Anci Sardegna, l’Associazione che rappresenta i Municipi sardi, e Fondazione Mont’e Prama, organismo nato lo scorso luglio per iniziativa di Ministero della Cultura, Regione e Comune di Cabras (Oristano) allo scopo di gestire le statue dei Giganti e il parco archeologico di Tharros, hanno siglato un accordo di collaborazione che porterà alla nascita del network “ArcheoComuni”, che sarà chiamato a sviluppare la redazione e l’aggiornamento delle carte archeologiche degli enti locali e la loro integrazione per ambiti territoriali.

“Si tratta di un accordo quadro che rappresenta una novità nel panorama italiano – dice il presidente di Anci Sardegna, Emiliano Deiana -. Ci poniamo l’obiettivo di definire la catalogazione di tutti i beni archeologici e culturali presenti nei Comuni della Sardegna, individuando l’elenco delle figure professionali, tra archeologi e guide turistiche, riconosciute a operare sui territori”.

Volto di Gigante (fonte: Wikimedia Commons)

Tra gli obiettivi di “ArcheoComuni” c’è anche quello di costruire percorsi integrati di cammini e sentieri validati, tracciati, custoditi e inseriti nelle guide e nelle carte turistiche.

“Promuovere attività continuative di confronto, tese a garantire in modo stabile il raccordo e le comunicazioni fra i diversi territori sardi, in materia di beni culturali e patrimonio archeologico è uno degli obiettivi della Fondazione – aggiunge Anthony Muroni, presidente dell’ente che ha sede nella terra dei Giganti di Mont’e Prama -. Con Anci Sardegna condividiamo un percorso che è finalizzato a diffondere le buone pratiche e promuovere all’interno della gestione dei servizi progetti di innovazione sociale e culturale, di promozione di percorsi formativi in favore del personale dei Comuni, delle Fondazioni o delle cooperative che a vario titolo si occupano della gestione dei musei e dei siti archeologici”.

La collaborazione fra Anci Sardegna e Fondazione Mont’e Prama, con il supporto dell’assessorato regionale del Turismo, produrrà presto un primo protocollo, finalizzato a realizzare eventi itineranti di promozione culturale.

Fonte: AnciSardegna

©Storie & Archeostorie – RIPRODUZIONE RISERVATA. VIETATA LA RIPRODUZIONE, LA RIELABORAZIONE E LA RIPUBBLICAZIONE IN QUALSIASI FORMA E MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE E SENZA CHE SIA CITATA LA FONTE

Un pensiero su “ARCHEOLOGIA / Nasce “ArcheoComuni”, un nuovo network per valorizzare i beni archeologici della Sardegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...