ARCHEOLOGIA / Dalla protostoria al Medioevo, viaggio tra i tesori della via Appia

Inaugurata a Roma la mostra archeologica “Patrimonium Appiae. Depositi emersi”. Fino al 30 giugno 2023 saranno esposti oltre 250 reperti provenienti da contesti archeologici delle vie Appia, Latina e Ardeatina, per lo più inediti e provenienti da depositi, alcuni venuti alla luce durante scavi molto recenti. Una profonda e puntuale rilettura dello straordinario patrimonio archeologico del territorio romano che segue miglio dopo miglio le antiche vie dalla protostoria al tardo Medioevo.

Il tesoro nascosto del Parco dell’Appia Antica aperto ai cittadini e ai turisti di tutto il mondo. Ha inaugurato sabato 22 ottobre a Roma nel Casale di Santa Maria Nova (Villa dei Quintili), dove resterà aperta fino al 30 giugno 2023, la mostra archeologica “Patrimonium Appiae. Depositi emersi”: un grande evento che propone al pubblico oltre 250 reperti provenienti dai diversi contesti archeologici delle vie Appia, Latina e Ardeatina, per lo più inediti e provenienti da depositi, alcuni dei quali riportati alla luce durante scavi molto recenti. Non solo gioielli, anfore, urne cinerarie, capitelli e vasi, ma anche spatoline, ossa umane cremate, scheletri, monete medievali e antiche, come il sesterzio di Marco Antonio per Lucilla, dadi da gioco d’età romana, armi della Seconda Guerra Mondiale e bossoli dell’Ottocento: le testimonianze di millenni di storia, insomma, trascorsa lungo alcune delle vie principali della Città Eterna.

Iscrizione sepolcrale. Marmo grigio. Ultimi decenni I sec. a.C.
M(anii) Titini Theudae, Titiniaes Hilaraes
L’iscrizione era posta presso la sepoltura di Manio Titinio Theuda e Titinia Ilara. Non viene esplicitato lo stato sociale, ma l’origine grecanica dei cognomi, Theuda e Hilara, farebbe pensare a una loro condizione di liberti.


Il nome della mostra – “Patrimonium Appiae” – è un chiaro riferimento ai patrimonia, i vasti complessi territoriali gestiti dalla Chiesa di Roma, raccolti e uniti dopo la caduta dell’Impero. Inoltre, come sottolineano i curatori dell’esposizione Francesca Romana Paolillo, Mara Pontisso e Stefano Roascio, con la scelta del titolo c’è anche il desiderio di “evidenziare il vasto patrimonio archeologico e di cultura materiale che il territorio ha restituito e il Parco custodisce”. Ad accompagnare i ritrovamenti, numerosi saggi curati da autorevoli studiosi per aiutare a riannodare i fili delle diverse testimonianze archeologiche, in un corposo catalogo di oltre 600 pagine pubblicato da SAP Società Archeologica (scaricabile gratuitamente QUI).

Urna cineraria ad ara. Marmo bianco a grana fine. Seconda metà I sec. d.C.
Sulla fronte del contenitore di ceneri dei defunti, un’iscrizione recita: “Flavia Auge, liberta di Augusto, fece per il coniuge Onesimo e per sua figlia Briseide benemerenti”. Rinvenuta nei pressi del colombario “C”.
II-III sec. d.C. Epigrafe funeraria dedicata a Dionisia, morta a diciannove anni, due mesi, undici giorni e tre ore, dai genitori Primo e Fortunata e dal compagno Agathion. Reca all’inizio la traduzione della formula latina standard D(is) M(anibus): Θ(εοῖς) K(αταχθονίοις).

Patrimonium Appiae. Depositi emersi” è il risultato di quasi un secolo di lavoro di scavo, con le connesse attività di studio, ricerca e tutela. La mostra, nel solco dell’archeologia globale, intende basarsi – spiegano i curatori – “su un’ottica di lungo periodo, priva di preclusioni cronologiche e disciplinari e strettamente legata al territorio. E propone i contesti archeologici che hanno restituito testimonianze materiali utili a definire la storia degli insediamenti e delle frequentazioni della campagna romana, a partire dalla preistoria e fino all’epoca contemporanea, con il curioso nucleo di armi della Seconda Guerra mondiale da Sette Bassi”.

Dadi da gioco. Osso, I-IV sec. d.C.
I tre dadi in osso presentano le facce numerate da uno a sei tramite tacche circolari, dette “occhi”. I reperti sono stati recuperati da stratigrafie relative alla frequentazione post-antica del sito e non sono attribuibili a specifiche sepolture

Ed è un viaggio interessante sin dalla sede dell’esposizione, il Casale di Santa Maria Nova, un luogo caratterizzato da straordinarie evidenze della storia millenaria di questa porzione di campagna romana. Il Casale si trova al V miglio della via Appia Antica, nei pressi di un incrocio con una diramazione che raggiungeva la via Latina, e prende il nome da Santa Maria Nova al Palatino che, dagli inizi del XII secolo, possedeva un vasto latifondo sulla via Appia, nell’area dell’antica villa dei fratelli Sesto Quintilio Condiano e Sesto Quintilio Valerio Massimo, membri di una famiglia senatoria e consoli nel 151 d.C. Nel 182/183 d.C. l’imperatore Commodo li accusò di aver ordito una congiura contro di lui, li fece uccidere e si impadronì della loro residenza. Sui resti di un edificio del II secolo, forse una cisterna a due piani ristrutturata in età tardoantica come torre difensiva, nel 1208 sorse la struttura medievale, che tra il XV e il XVI secolo prese le forme attuali. A questa fase risale l’absidiola al primo piano, che si appoggia alle strutture romane, probabilmente una piccola cappella, edificata dai monaci della Congregazione Benedettina di Santa Maria del Monte Oliveto, che mantennero la proprietà fino al 1873 circa, quando fu messa all’asta e poi aggiudicata a Isidoro Marfori. Il casale venne costruito, a uso stalla, tre anni dopo direttamente sui resti delle strutture romane in opera reticolata. Passata ai conti Marcello, che ne affidarono la ristrutturazione a Luigi Moretti, e poi al produttore cinematografico Evan Ewan Kimble, che la trasformò in dimora di lusso, la struttura del casale fu acquistata dallo Stato nel 2006. Gli scavi hanno riportato alla luce il complesso residenziale del II secolo dotato di terme con frigidario absidato a pianta rettangolare, due vasche e pavimentazione in marmo cipollino; calidario con un corridoio con mosaico a pelte bianche e nere, e due salette con mosaici con scene di circo e arena e il sistema di riscaldamento dell’età di Commodo. A sud e a est delle terme, sono stati scoperti altri locali, attorno a un cortile e addossati a una cisterna seminterrata. La datazione del complesso ad epoca adrianea è confermata dai bolli di fabbrica sui mattoni da costruzione. Una lunga storia, quindi, che ha trovato un momento importante nel restauro, recupero funzionale e adeguamento che ne ha consentito, nel giugno 2018, l’apertura al pubblico come sede per mostre temporanee.


Un ruolo centrale nella mostra è giocato dalla sezione “Art Crossing. Riattivare il genius loci”, a cura di Spazio Taverna (Ludovico Pratesi e Marco Bassan), che riunisce sei opere site specific di artisti contemporanei (Flavio Favelli, Diego Miguel Mirabella, Lulù Nuti, Giulio Bensasson, Alessandro Piangiamore e Namsal Siedlecki) all’interno del Casale e nell’area archeologica adiacente. Realizzate in collaborazione con gli archeologi del Parco, le opere degli artisti si basano su un dialogo tra i linguaggi sperimentali dell’arte contemporanea e il Genius Loci del sito, per invitare il pubblico ad analizzare l’archeologia attraverso punti di vista inediti e originali, secondo un modello di contaminazione tra passato e presente. Art Crossing si iscrive all’interno di un programma più ampio di incontro tra arte contemporanea e altri mondi portato avanti dal progetto curatoriale Spazio Taverna. Quest’ultimo nasce con la missione di interpretare la complessità di questo tempo, producendo nuove narrazioni contemporanee, attraverso la riattivazione dei luoghi e la contaminazione tra ambiti culturali diversi.

Info mostra

“Patrimonium Appiae. Depositi emersi”
Roma, Casale di Santa Maria Nova, Villa dei Quintili
Via Appia Antica, 251
22 ottobre 2022 – 30 giugno 2023
Orari mostra: fino al 31 ottobre dalle 9 alle 18.30; dal 1° novembre al 28/29 febbraio dalle 9 alle 18.30; dal 1° marzo al 31 marzo dalle 9 alle 18.30; dal 1° aprile al 30 giugno dalle 9 alle 19.15. Ultimo ingresso consentito un’ora prima della chiusura.
Prezzi: intero 8 euro, biglietto valido per 3 giorni consecutivi in tutti i siti del Parco Archeologico dell’Appia Antica; ridotto 4 euro per possessori di Roma Pass; ridotto 2 euro (riservato a giovani tra 18 e 25 anni); gratuito per i minori di 18 anni, guide turistiche abilitate e le altre gratuità previste dalla normativa. Abbonamento annuale “La Mia Appia Card” 15 euro per ingressi illimitati in tutti i siti del Parco.
Come arrivare con i mezzi pubblici: Metro A (Colli Albani) e poi la linea 664. O la linea circolare 118: il bus ferma a Circo Massimo, Piazza Venezia e Colosseo per proseguire verso la Via Appia Antica. Il capolinea è di fronte all’ingresso di Villa dei Quintili sulla Via Appia Nuova.
Informazioni: www.parcoarcheologicoappiaantica.it

VISITE
GUIDATE

Patrimonium Appiae. Depositi emersi/Art Crossing

Casale di Santa Maria Nova – Via Appia Antica 251

PROSSIME DATE: domenica 6 novembre e domenica 4 dicembre, orari 10:30 e 12:00

La mostra presenta circa 250 reperti archeologici provenienti dagli scavi del territorio della via Appia e della via Latina, raramente esposti e in larga parte provenienti dai depositi del Parco. Il giardino del Casale ospita invece opere d’arte, site-specific, realizzate da artisti viventi  in dialogo con i materiali archeologici.

Modalità di accesso:

Alle visite guidate delle 10:30 e 12:00 può partecipare un numero massimo di 20 persone. Prenotazione obbligatoria.

Ingresso da via Appia Antica 251.

Attività gratuita.

Fonte: Parco Archeologico Appia Antica.

©Storie & Archeostorie – RIPRODUZIONE RISERVATA. VIETATA LA RIPRODUZIONE, LA RIELABORAZIONE E LA RIPUBBLICAZIONE IN QUALSIASI FORMA E MEZZO SENZA AUTORIZZAZIONE E SENZA CHE SIA CITATA LA FONTE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...